MAI LASCIARE GLI ANIMALI IN AUTO AL SOLE, 15 MINUTI POSSONO ESSERE LETALI

MAI LASCIARE GLI ANIMALI IN AUTO AL SOLE, 15 MINUTI POSSONO ESSERE LETALI

Condividi

Le circostanze critiche e cosa fare in caso di emergenza

di MICHELE BRUNETTI

Un quarto d’ora al sole sono sufficienti per rendere la temperatura letale, in estate nemmeno all’ombra va meglio. Lasciare cani e gatti chiusi in auto seppure per poco tempo è pericoloso, si mette a rischio la loro sopravvivenza, e lo apprendiamo dai casi di cronaca che si verificano puntualmente nelle stagioni estive, nonostante varie campagne di sensibilizzazione. Lasciare un animale in auto è una violazione della legge, il codice penale prevede nell’articolo 727 una sanzione a «chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze».

In piena estate bastano solo una ventina di minuti di esposizione al sole per portare la temperatura interna a oltre 60° e a temperature molto vicine anche quando il veicolo non è direttamente esposto. Un veterinario americano, Ernie Ward, in un famoso video, si chiuse dentro un’auto e partendo da una temperatura iniziale di 34°, si ritrovò dopo un quarto d’ora a 43,3° e con i finestrini abbassati di 5cm. “Io so cosa sta succedendo e ho il controllo della situazione, – spiegò il dottore -, ma non riesco ad immaginare quanto possa sentirsi indifeso e terrorizzato un cane che viene lasciato da solo in auto mentre sente le sue forze che lo stanno abbandonando».

Quando si è proprietari di un gatto, teniamo ben a mente i disagi che può subire chiuso ulteriormente nel suo trasportino, prestiamo dunque ancora più attenzione nel non lasciare la macchina sotto al sole e, nel caso di lunghi viaggi nella stagione calda, è opportuno chiedere consiglio al veterinario. Una cosa è certa, meglio intraprendere il viaggio, se possibile, la mattina presto o alla sera tardi. Il micio rischia di incorrere in uno stato di dispnea, una difficoltà respiratoria che può essere causata da vari fattori, e il caldo eccessivo è sicuramente uno di questi.

 Se in auto siamo sprovvisti di condizionatore, in commercio è possibile trovare dei piccoli ventilatori, molti con presa usb, da attaccare alla gabbietta del gatto e possono anche essere utili, una volta ben posizionati nell’abitacolo, per fare aria ai cani. Se invece abbiamo l’aria condiziona, facciamo attenzione a non impostare temperature troppo fredde, eviteremo così, ai nostri amici a quattro zampe, bruschi cambiamenti di temperatura una volta scesi dal mezzo, sia nelle soste come a fine viaggio. Che si resti in città o che si vada al mare, in montagna o al lago, adottiamo le giuste precauzioni affinché la bella stagione sia piacevole per tutti, compresi i nostri amici animali.

MAI LASCIARE GLI ANIMALI IN AUTO AL SOLE, 15 MINUTI POSSONO ESSERE LETALI

COSA FARE SE VEDIAMO UN CANE O UN GATTO INTRAPPOLATO SOTTO AL SOLE?

Se ci dovesse capitare, per esempio, di vedere un cane lasciato in auto sotto il sole, ricordiamoci che il procedimento corretto da adottare sarebbe quello di avvisare immediatamente la forza pubblica. Sono i pubblici ufficiali a dover intervenire per liberare il cane, quindi è sconsigliabile prendere iniziative personali, come quella di rompere da soli il vetro della vettura che imprigiona l’animale, poiché il proprietario potrà sempre denunciarvi per danneggiamento e chiedere un indennizzo anche se poi sarà il giudice a valutare il reale «stato di necessità» che vi abbia portato a compiere un tale gesto.

Oltre che contattare la polizia locale, in casi di emergenza, o per mancanza di un veloce aiuto da chi di dovere, sarebbe ideale avere dei testimoni prima di compiere azioni risolutive. Senza la presenza di testimoni potrebbe essere utile fare una ripresa con il proprio smartphone per documentare e constatare lo stato di sofferenza dell’animale, in quanto il danneggiamento semplice è stato depenalizzato e in caso di necessità per salvare la vita al cane o al gatto, il soccorritore potrebbe esonerarsi dalla richiesta di risarcimento in caso di rottura di un finestrino.


Leggi anche Afa e caldo, i consigli del veterinario

Condividi

Potrebbe piacerti anche...

Post popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *