Trovare un cane abbandonato, cosa dice la legge e cosa fare

Trovare un cane abbandonato, cosa dice la legge e cosa fare

Condividi

Cosa rischiano i colpevoli e i giusti comportamenti da tenere in caso di emergenza

di Michele Brunetti

Ferragosto è alle porte e gli abbandoni aumentano, essere preparati a incontrare un cane abbandonato nel periodo di ferie, è necessario. Le leggi, che man a mano diventano sempre più severe, non mancano. Bisogna essere collaborativi, senza esitazioni, affinché i colpevoli siano individuati e puniti. Il Codice penale sancisce che l’abbandono di un animale domestico è punito con l’arresto fino a un anno o con una maxi multa che può arrivare fino a 10.000 euro, ma non solo, con un tale gesto ci può rendere responsabili di omicidio colposo qualora l’animale lasciato andare provocasse un incidente stradale con vittime. Secondo il Codice della strada chi ha provocato un incidente dal quale sia derivato un danno a un animale di affezione, da reddito o protetto, è tenuto a fermarsi garantendo un tempestivo soccorso, altrimenti incorre in una sanzione che può arrivare fino a 1600 euro.

Se vediamo qualcuno che si libera del proprio animale, possiamo contribuire all’individuazione e alla cattura di chi ha commesso questo inconcepibile e ignobile atto telefonando immediatamente alle forze dell’ordine. Denunciare un ritrovamento alla polizia o al servizio veterinario competente è questione non solo morale, ma risolutiva in tutti i casi che potrebbero presentarcisi. Se troviamo un animale che cammina sulla strada o attraversa spesso la carreggiata, spaventato o disorientato, conviene chiamare la polizia locale, la polstrada o i carabinieri. Quando non è legato a qualcosa, nella prima fase il quadrupede sarà generalmente attendista, nella seconda inizierà a spostarsi con fare scombussolato, la loro probabilità di sopravvivenza, in queste condizioni, è minima. Grazie alla denuncia si potrà certificare il fatto che quello è un cane vagante e velocizzare sia la sua salvezza, sia la ricerca del padrone, per avvisarlo del possibile smarrimento oppure per perseguirlo legalmente con l’accusa di abbandono.

Trovare un cane abbandonato, cosa dice la legge e cosa fare

Denunciare sempre, ma attenzione alle iniziative personali, anche quando il cane è ferito

La denuncia è fondamentale, anche per evitare sorprese. Quando si porta un cane in una struttura pubblica di accoglienza per animali senza presentare il verbale firmato dalle autorità, se ne diventa per legge proprietari e bisognerà farsi quindi carico di tutte le spese di mantenimento. Invece, contattando prontamente le forze dell’ordine o l’Asl, il cane verrà consegnato insieme alla denuncia a un canile municipale o convenzionato con il comune in cui l’animale è stato ritrovato. L’Arma dei carabinieri o la polizia vanno sempre avvisate quando il cane è stato ferito da un’autovettura poi fuggita, una testimonianza aumenta la probabilità di trovare velocemente il colpevole. I contatti con associazioni che si occupano di queste tematiche possono essere d’aiuto ma non possono sostituire i servizi pubblici.

Se ci s’imbatte per strada in un cane ferito (non necessariamente investito), che potrebbe essere stato abbandonato, occorre chiamare il servizio veterinario dell’Asl affinché intervenga subito in soccorso dell’animale, evitando qualsiasi improvvisazione medica. Una volta curato, il cane sarà preso in carico dal canile sanitario di zona per 10 giorni, durante questo periodo potrà essere riaffidato, se ci sono i presupposti, solo al legittimo proprietario, successivamente si potrà ricorrere all’affido temporaneo riservato a chi lo ha soccorso o a chiunque desideri adottarlo, ma solamente dopo due mesi l’assegnamento diventerà definitivo, con la speranza che il nuovo padrone sia in grado di regalare al suo nuovo amico a quattro zampe un futuro sereno e lontano da vigliaccherie strettamente umane, o meglio… disumane.


Vai alla pagina : INFORMAZIONI UTILI

Condividi

Potrebbe piacerti anche...

Post popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *