Spighe verdi Ffe 2021: premiati tre comuni abruzzesi

Spighe verdi Ffe 2021: premiati tre comuni abruzzesi

Condividi

Gli obiettivi raggiunti dalle località premiate

di Michele Brunetti

L’impegno per lo sviluppo sostenibile del territorio ha permesso a Gioia dei Marsi, Giulianova e Tortoreto di ricevere il prestigioso riconoscimento e diventare così comuni Spighe Verdi, premiati per virtuosità rurali. Le spighe verdi sono l’equivalente delle bandiere blu e sono assegnate da Fee Italia (Foundation for Environmental Education) e Confagricoltura, servono per attestare qualità ambientale e pratiche di sostenibilità seguendo un preciso iter procedurale certificato che prende in considerazione indicatori come il corretto uso del suolo, la presenza di produzioni agricole tipiche, la sostenibilità, l’innovazione in agricoltura, una corretta gestione dei rifiuti e la valorizzazione delle aree naturalistiche e del paesaggio. Nella sesta edizione del riconoscimento, i comuni premiati, in questo 2021, raggiungono quota 59.

“Registriamo quest’anno un importante aumento delle località Spighe Verdi, non solo per i Comuni rurali che ottengono oggi la certificazione, ma anche per tutti i territori che hanno chiesto di avviare il percorso. Da Nord al Centro e al Sud, segno che l’attenzione e l’impegno per uno sviluppo sostenibile del territorio, la scelta di politiche di gestione rispettose dell’ambiente, la necessaria sinergia tra amministrazioni locali e agricoltori sta crescendo, – ha detto il presidente Fee Italia Claudio Mazza alla cerimonia d’assegnazione -, le località Spighe Verdi rappresentano un’eccellenza italiana, frutto di un lavoro costante, di sensibilizzazione della cittadinanza, di formazione degli amministratori, di percorsi costruiti all’insegna della sostenibilità ambientale e di un miglioramento della qualità della vita, – conclude il presidente -, un’eccellenza italiana proprio come i prodotti agricoli Dop, Igp, Doc che la nostra Italia vanta ed esporta nel mondo”.

Spighe verdi Ffe 2021: premiati tre comuni abruzzesi

L’elenco completo delle Spighe Verdi può incentivare un turismo diverso

“Ben vengano le Spighe Verdi, un marchio che potrà premiare quelle aree del territorio, magari meno conosciute e lontane dai flussi turistici, che potranno attrarre visitatori e diversificare così la creazione di ricchezza della zona, – ha commentato il ministro del Turismo Massimo Garavaglia –, come dimostra l’esperienza delle Bandiere Blu, la qualità premia sempre e scelte del genere vanno nella direzione di valorizzare aree oggi meno note, rilanciando quel turismo lento, focalizzato sull’enogastronomia, oggi molto ricercato dai visitatori e punto di forza della nostra offerta turistica”. Il tutto si sposa perfettamente con la grande sfida dell’agricoltura odierna, ovvero produrre di più e meglio, preservando le risorse naturali e garantendo un’equa distribuzione del valore lungo la filiera, secondo gli auspici delle nuove strategie politiche in merito a queste tematiche.

L’elenco completo dei comuni che possono fregiarsi della Spiga Verde vede in testa il Piemonte con Alba, Bra, Canelli, Centallo, Cherasco, Guarene, Monforte d’Alba, Pralormo, Santo Stefano Belbo, e Volpedo. Subito dopo le Marche, con 9 località premiate: Esanatoglia, Grottammare, Matelica, Mondolfo, Montecassiano, Montelupone, Numana, Senigallia, Sirolo. Segue la Toscana con 7 riconoscimenti: Bibbona, Castellina in Chianti, Castiglione della Pescaia, Castagneto Carducci, Fiesole, Grosseto, Massa Marittima. Con 6 località seguono la Calabria e la Puglia; Calabria: Belcastro, Montegiordano, Roseto Capo Spulico, Santa Maria del Cedro, Sellia, Trebisacce; Puglia: Andria, Bisceglie, Castellaneta, Carovigno, Ostuni, Troia. Con 5 località il Lazio: Canale Monterano, Gaeta, Pontinia, Rivodutri, Sabaudia. La Campania riceve 4 riconoscimenti Spighe Verdi: Agropoli, Capaccio Paestum, Massa Lubrense, Positano. Seguono Abruzzo e Umbria con 3 Spighe Verdi. Per l’Abruzzo: Gioia dei Marsi; Giulianova, Tortoreto; per l’Umbria: Deruta, Montefalco, Todi. Il Veneto vanta due località: Montagnana e Porto Tolle. Vi è un Comune rurale Spiga Verde in Emilia-Romagna (Parma), in Liguria (Lavagna), in Lombardia (Sant’Alessio con Vialone) e in Sicilia (Ragusa).

Spighe verdi Ffe 2021: premiati tre comuni abruzzesi

Ti potrebbe interessare anche Cambiamento climatico e biodiversità: sensori sulle vette della Majella

Seguici anche su

Condividi

Post popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *