Goletta Verde 2021: in Abruzzo metà dei punti esaminati sono oltre i limiti di legge

Goletta Verde 2021: in Abruzzo metà dei punti esaminati sono oltre i limiti di legge

Condividi

Tutti i dati di Legambiente e la preoccupazione per i fiumi

di Michele Brunetti

Non arrivano belle notizie sul fronte inquinamento, negli 8 punti campionati dai volontari di Goletta Verde lungo le coste dell’Abruzzo nel 2021, (5 in foci e 3 in mare), 3 sono risultati fortemente inquinati e 1 inquinato, e sono tutti foci dei fiumi.Si tratta della foce del fiume Vibrata, di quella del fiume Alento, di quella del fiume Feltrino e, seppur in modo minore, della foce canale in località Rocca S. Giovanni. Questi dati, comunicati nella conferenza stampa organizzata in settimana nella nuova Ecospiaggia di Pescara, dimostrano che c’è ancora tanto da fare per efficientare i sistemi di depurazione. Le analisi di Goletta Verde hanno da sempre l’obiettivo di andare a individuare le criticità dovute ad una cattiva depurazione dei reflui in specifici punti, come appunto le foci, canali e corsi d’acqua che sono il principale veicolo con cui l’inquinamento generato da insufficiente depurazione arriva in mare. Pesa, come sempre, anche il poco corretto smaltimento di lubrificanti esausti dei macchinari industriali. I dati raccolti dall’imbarcazione di Legambiente vanno a integrare il lavoro svolto dalle autorità competenti e spesso a colmare lacune analizzando tratti non controllati dai comuni.

“Si registra un passo indietro rispetto allo scorso anno in termini numerici dei prelievi entro i limiti e non risultano superate le criticità storiche della nostra regione, con un efficientamento degli impianti depurativi ancora lontano dagli standard che ci impone la Commissione Europea – ha dichiarato Giuseppe Di Marco, presidente Legambiente Abruzzo -, il dato relativo alle foci dei fiumi, evidenzia con forza che questo problema non riguarda solo i comuni costieri ma anche quelli dell’entroterra, non possiamo rassegnarci all’idea che le foci debbano essere non balneabili, anche perché la non balneabilità non fa sì che i cittadini e le cittadine evitino di fare il bagno. Per questo, urgono ulteriori misure d’intervento legate anche ai contratti di fiume, in modo da mettere a sistema gli interventi e sfruttare al meglio le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.”

Goletta Verde 2021: in Abruzzo metà dei punti esaminati sono oltre i limiti di legge

Tutti i dati dai campionamenti effettuati da Goletta Verde

Le analisi sono state eseguite da laboratori individuati sul territorio abruzzese. La presenza di batteri di origine fecale (enterococchi intestinali ed escherichia coli) è un marker specifico di inquinamento dovuto da scarsa o assente depurazione. Fortemente inquinate 3 foci dei fiumi, la foce del fiume Vibrata in località Villarosa di Martinsicuro tra Martinsicuro e Alba Adriatica (TE); quella del fiume Alento a Francavilla al Mare (CH) e la foce del fiume Feltrino in località Marina di San Vito a San Vito Chietino (CH). La Foce canale in località la Foce a Rocca S. Giovanni (CH) è risultata inquinata.

In provincia di Teramo sono stati campionati 2 punti: la spiaggia di fronte al Thaon sul Lungomare Zara a Giulianova è risultata entro i limiti di legge, mentre la foce del fiume Vibrata in località Villarosa di Martinsicuro tra i Comuni di Martinsicuro e Alba Adriatica è risultata fortemente inquinata. A Chieti solo un punto dei 4 campionati è risultato entro i limiti di legge: la foce del fiume Sinello a Casalbordino. Sono risultate fortemente inquinate la foce del fiume Alento a Francavilla al Mare e quella del fiume Feltrino in località Marina di San Vito a San Vito Chietino. Risulta inquinata la foce canale in località la Foce a Rocca S. Giovanni. I 2 punti campionati in provincia di Pescara, la spiaggia presso traversa IV, a 100 m a sud del fiume Saline a Montesilvano e la spiaggia in corrispondenza di piazza Primo Maggio, sono risultati entro i limiti di legge.

Secondo il portale Acque (applicazione realizzata dal Ministero della Salute sullo stato di balneazione delle coste italiane) le 3 foci dei fiumi risultate fortemente inquinate non vengono monitorate dalle autorità competenti, e quindi risultano acque abbandonate. Da notare però che anche nel tratto di costa subito a nord del fiume Feltrino a San Vito Chietino, dove comincia il monitoraggio delle autorità competenti, la balneazione risulta temporaneamente vietata per inquinamento, a dimostrazione di come l’inquinamento delle foci spesso comporta anomalie anche in tratti più lunghi di costa mettendo a repentaglio la salute dei bagnanti. Il cartello di divieto di balneazione è stato notato solo in 2 punti su 8: la foce del fiume Vibrata e la foce del fiume Feltrino, mentre in nessun punto sono stati notati cartelli con informazioni sulla qualità delle acque, nonostante sia obbligatorio per legge da diversi anni.

“Migliorare i sistemi di depurazione e lottare contro gli scarichi illegali deve essere una priorità nazionale, – ha dichiarato Cristiana Biondo, portavoce di Goletta Verde -, visto che il nostro Paese registra un ritardo cronico dal momento che ben 1 italiano su 4 non è servito da un sistema di depurazione efficiente. Questo è dimostrato anche dalle quattro procedure di infrazione europee a danno dell’Italia per non esserci adeguati alla direttiva comunitaria sui reflui. Dobbiamo continuare a lavorare per efficientare il sistema depurativo, e questo deve essere una delle grandi opere pubbliche necessarie per il Paese, non più rinviabile, da realizzare anche con le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”. Anche quest’anno il CONOU (Consorzio Nazionale per la Gestione, Raccolta e Trattamento degli Oli Minerali Usati) è un main partner della campagna estiva di Legambiente per garantire la raccolta e l’avvio a riciclo degli oli lubrificanti usati recuperati in acqua e che rappresentano un pericolo ambientale costante.


Ti potrebbe interessare anche Spighe verdi Ffe 2021: premiati tre comuni abruzzesi Goletta verde

Seguici anche su

Condividi

Potrebbe piacerti anche...

Post popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *